Lo spoiler come imperativo morale